La luce emessa dalle sorgenti luminose così come quella emessa dalle lampadine (a led, al neon, incandescenza, alogena ecc.) viene percepita dall’occhio dell’osservatore con una gradazione di colore. Se la gradazione tende ai toni del rosso la luce viene definita CALDA; se la gradazione è prossima al bianco viene definita NEUTRA; se la gradazione tende al blu viene definita FREDDA .
La tonalità di colore viene misurata in GRADI KELVIN (K) ed è per questo motivo che in illuminotecnica si parla di TEMPERATURA DI COLORE.

Alte temperature di colore (5000K e oltre) corrispondono a luce fredda e assumono spesso una tonalità blu.
Basse temperature di colore (2500K – 3200K) sono colori caldi e assumono toni di colore giallo o arancione.

Per convenzione, così come stabilito dalla normativa (UNI 12464), si parla di:

  • Bianco Caldo o luce calda se la temperatura di colore è inferiore a 3300 K
  • Bianco Neutro  o luce naturale se la temperatura di colore è tra i 3300 e i 5300 K
  • Bianco Freddo o luce fredda se la temperatura di colore è superiore ai 5300 K

Le lampadine alogene hanno una temperatura di colore propria e non permettono quindi di scegliere il colore della luce, le lampadine led consentono la scelta della gradazione di colore.

Meglio luce calda o luce fredda?

Come abbiamo precedente spiegato nell’introduzione di questa guida esistono 3 varianti di colorazione della luce(secondo lo standard UNI 12464) che sono:

  • Luce Calda: scala di colore che spazia dal giallo, arancione, rosso al bianco caldo a seconda della temperatura scelta. La tipologia più diffusa è quella con temperatura 2700 K.
  • Luce Fredda: tonalità di colori che parte dal bianco freddo fino a tonalità azzurre e blu sempre a seconda della temperatura scelta. La tipologia più diffusa è quella a 6400k. La temperatura della luce solare durante il giorno supera i 5000K e questa è la tipologia più simile alla luce del giorno, la famosa luce chiamata Daylight(5500 – 6500 K).
  • Luce Neutra: tonalità di colore bianco classico dove si incontrano sia spettri di luce caldi, sia quelli più freddi uniformandosi in un bianco molto uniforme. Solitamente questa tipologia ha temperatura corrispondente a 3000K o 4000K.

La percezione dell’ambiente con diversi tipi di luce è prettamente psicologico, tuttavia a seconda del modello scelto possiamo accentuare più i dettagli, ottenere un effetto più rilassante o una luce naturale.

Lampadine, faretti, strisce Luce Calda: Perfetta per camere da letto, salotti e zone relax

Dopo averti introdotto nel mondo delle diverse colorazioni di luce voglio parlarti più in dettaglio su dove conviene posizionare un tipo di luce rispetto ad un altro.

Le lampadine a luce calda sono quelle più diffuse nei nostri ambienti sopratutto di casa, questa luce è molto rilassante ed è perfetta per essere posizionata in camere da letto, soggiorni, sale, salotti

Spesso troviamo queste luci anche all’interno di uffici poichè lo spettro caldo non affatica gli occhi eccessivamente ed è adatto in ambienti dove trascorriamo la maggior parte del tempo, grazie alla sensazioni calde e piacevoli di questi faretti.

Sono faretti LED a luce calda tutti i modelli con temperatura di colore minore di 3000K. Per avere un’idea del colore queste lampade ricordano le vecchie lampadine ad incandescenza.

Luce Neutra: Perfetta per la cucina e bagno

Questa lampade a risparmio energetico sono riconoscibili sempre dalla temperatura che varia dai 3000K ai 5300K e dal colore bianco neutro.

Solitamente vengono installate in spazi riservati alla lettura e studio nella propria abitazione, oppure in uffici dove abbiamo bisogno di ottenere maggior concentrazione per la lettura. Possono essere posizionate anche in bagni e cucine.

La luce neutra è una delle più utilizzate poichè non affatica gli occhi ma garantisce comunque la possibilità di poter leggere, studiare e concentrarsi. I modelli più acquistati sono sicuramente quelle a 3000K con tonalità leggermente più calde da riservare a zone di relax e camere da letto oppure quelle a 4000K con colori più accesi per una miglior lettura oppure da utilizzare in ambienti come cucine e bagni.

Luce Fredda: Garage, magazzini, locali pubblici

Come ultima alternativa esistono anche le lampade a risparmio energetico con luce fredda comprese fra i 5000 e 6500 gradi Kelvin.

Le tonalità di luce sono molto fredde a volte quasi simili al blu artico, ottime per illuminare al meglio spazi come magazzini, supermercati, ospedali, attività commerciali dove abbiamo bisogno di vedere in modo chiaro persone, oggetti e dove lo spazio è più grande.

Non sono consigliate però per ambienti come la casa poichè tendendo molto al bianco freddo possono risultare fastidiose per gli occhi in ambienti piccoli(fatta eccezione per il bagno).

Sembra che questa luce dia all’occhio la sensazione di pulizia degli ambienti grazie al suo colore molto acceso con assenza di colori caldi e per questo motivo viene installata in esercizi dove dobbiamo dare la percezione di pulizia e ordine, molto spesso anche in bagno per dare un senso maggiore di pulizia ai sanitari e lavabi.

Se vuoi comunque installare questa luce nella tua casa ricordati di non posizionarla in camere da letto. Una temperatura troppo fredda può creare nell’ambiente ombre troppo accentuate e nette.

Riassumendo i vari punti trattati nella guida possiamo affermare che le migliori soluzioni per le tue stanze sono:

  • Lampadine luce calda: adatta per illuminare camere da letto, salotti, cucine, bagni, uffici. Colore piacevole, comoda e accogliente con tonalità rilassanti e temperature inferiori a 3300K.
  • Lampadine luce neutra: adatta per illuminare tutti gli ambienti di casa e ufficio. Ottime anche per lettura, relax, concentrazione, studiare, da posizionare in studi, cucine, bagni, camere da letto, ufficio. Colore di luce compreso fra 3300K e 5300K.
  • Lampadine luce fredda: perfetta per illuminare garage, spazi esterni, supermercati, magazzini, ospedali, esercizi e luoghi pubblici. Temperature comprese fra 5000 e 6500K.

Un ultimo appunto da precisare è che è possibile scegliere la luce fredda negli stili di arredamento moderno e futuristico, con superfici in metallo o materiale lucido per esaltare i mobili o i dettagli di questo stile utilizzando illuminazione daylight a giorno per risaltare al massimo i dettagli del proprio design.

Consulta sempre i consumi energetici e la potenza delle tue lampade led prima di effettuare l’acquisto.

Come direzionare la luce per ottenere migliori risultati?

Un altro fattore importare è sicuramente la direzione della luce, una fonte luminosa che illumina dall’alto verso il basso è preferibile nella cucina o dove devi svolgere attività che richiedono concentrazione(cucinare, mangiare, dialogare) e la scelta migliore è quella di installare una lampadina a luce neutra per risaltare di più i dettagli.

Al contrario una fonte che illumina dal basso all’alto è preferibile per illuminare la sala e zone living della casa, evitando che si creino zone d’ombra o abbagliamenti dovuti a una luce troppo diretta. Qui è preferibile installare una lampada a luce calda.